Un tema importante per ogni imprenditore è quello relativo alla gestione delle risorse umane. Qual è il modo migliore per aumentare la loro produttività, motivazione ed efficienza?

In primo luogo si possono individuare alcuni fattori che potremo definire “nascosti”, ma che, quando vengono tenuti in conto e valorizzati, portano ad un cambiamento radicale nell’ambiente di lavoro.

  • Avere cura delle proprie alleanze. Bisogna creare rapporti con persone di valore, che arricchiscano sia l’imprenditore sia il suo gruppo, permettendo ad entrambi di crescere.
  • Abbracciare i principi della causatività, ovvero che è l’imprenditore l’unica ragione dello stato di cose all’interno della sua azienda. Se un collaboratore non performa bene oppure vi è un calo della clientela, questo non è da imputare a cause esterne, bensì ad un qualcosa di non ottimale compiuto dall’imprenditore stesso (che sia un’azione e/o una omissione).

A queste considerazioni si devono aggiungere altri due presupposti cardine:

  • Tutte le persone sono potenzialmente molto forti, anche se spesso non se ne accorgono. Sta all’imprenditore individuare in cosa sono brave e, dopo averle tirate su e spinte sui loro punti d’eccellenza, chiedere da loro sempre il 100%.
  • La seconda è che bisogna puntare a gestire un gruppo, non le singole individualità dello stesso. Questo fa si che si crei un sistema dove, pian piano, saranno i membri stessi del gruppo che inizieranno ad aiutarsi e motivarsi a vicenda, in autogestione.
    Se al contrario ci si focalizza sulle mancanze di ogni singolo individuo, cercando di migliorarlo, si rischia di fare sempre più fatica da una parte e di perdere il controllo degli altri collaboratori dall’altra.

Una volta comprese queste premesse, quali sono i punti da spingere per far migliorare il gruppo?
Per prima cosa bisogna fare in modo di creare un buon livello di comunicazione tra i membri del gruppo a livello orizzontale e con i loro responsabili a livello verticale.

E’ altresì importante fare alzare il tono emotivo di tutti (partendo dal proprio, quello dell’imprenditore). Un buon modo può essere quello di creare sfide divertenti, giochi basati sulla produttività ed i risultati raggiunti oppure proporre progetti stimolanti che facciano sognare le persone.

Infine, si deve fare in modo che ognuno dia un mano agli altri colleghi nelle loro attività. Questo concetto, che va instillato e poi coltivato con cura, è la via migliore per responsabilizzare tutto lo staff, spingendo tutti a migliorare e creando quell’affinità che è fondamentale per generare un gruppo fantastico.

Da che mondo e mondo, sono i fattori soft (o intangibili) come la fede, la coesione, le emozioni o una forte credenza nelle proprie capacità che hanno permesso il raggiungimento di risultati straordinari e imprevedibili.

Venticinque secoli fa, negli stretti di Salamina davanti alla costa dell’Attica, trecento piccole triremi greche lasciarono a bocca aperta il mondo intero sbaragliando oltre milleduecento pesanti navi da guerra persiane, salvando l’Occidente dall’autocrazia orientale. I greci prevalsero soprattutto grazie ad una fede cieca nella giustizia della loro causa e al desiderio di libertà.
Questo fatto vale in ogni attività umana e a maggior ragione nell’attività d’impresa.

“Le persone vivono e si animano di sogni e desideri. Non hanno bisogno di cose tecniche”

Quali sono i tuoi sogni e i tuoi desideri? Questa è la prima domanda che devi porti per creare qualcosa di veramente grande. CONTATTACI!

Nome e Cognome (richiesto)

Email (richiesto)

Telefono (richiesto)

Città (richiesto)

Il tuo messaggio

Dichiaro di aver ricevuto, letto e compreso l'informativa ai sensi del Reg. UE 2016/679 (Art. 13) e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali.
Esprimo in modo consapevole e libero il consenso al trattamento per le seguenti finalità:
Finalità 1 do il consensonego il consenso
Finalità 2 do il consensonego il consenso
Finalità 3 do il consensonego il consenso