• intervernto MBS a cura di Mario Tasso, titolare Tasso Castillenti e OSM Partner Chieti e Pescara

Conosco OSM da molti anni. Nel 2002, quando ancora non c’erano molti strumenti informatici, ero in ufficio, nella mia azienda e ho ricevuto un fax da parte di OSM. In questo modo ho conosciuto Paolo Ruggeri e il mondo OSM.

Questo incontro mi ha cambiato la vita. Oggi ho diverse aziende, tra cui anche una società di consulenza aziendale OSM Partner. Tra le varie attività economiche in cui ero coinvolto, c’era un’azienda di cui possedevo il 72%. Se non hai un piano chiaro per il futuro, sei in balia degli eventi, e senza nemmeno accorgertene, ti puoi ritrovare con un’azienda in meno… proprio come è successo a me con quell’azienda di cui possedevo il 72%.

Da questo errore ho capito che un’azienda non può esistere senza una precisa strategia. Con strategia si intende la descrizione di un piano di azione di lungo termine usato per impostare e successivamente coordinare le azioni tese a raggiungere uno scopo predeterminato.

L’imprenditore non deve mai pensare solamente nel breve, ma nel lungo periodo. Il compito dell’imprenditore non è pianificare come vincere la battaglia, ma come vincere la guerra.

Tu hai un piano per te e per la tua azienda?

“La strategia è una questione di scelta: non si può offrire tutto a tutti” (Assioma di Porter)

Tu in qualità di imprenditore devi capire la strada che intendi seguire. La strategia competitiva nasce da una conoscenza approfondita della regola della concorrenza che si riassume in 5 forze:

Fornitori: Puoi scegliere tra diversi fornitori? Quanto potere contrattuale hanno i tuoi fornitori? Se se ne vanno cosa succede?

Potenziali entranti: Chi sono le aziende che possono entrare nel mercato? Nei prossimi anni tu dove sarai se entrano nel mercato?

Clienti: Che potere contrattuale hanno i tuoi acquirenti? Quanto pesano nel tuo fatturato? Di chi è, in sostanza, la tua azienda?

Prodotti sostitutivi: Stai innovando? Ti stai muovendo per adattare ciò che proponi ai cambiamenti del mercato? Fra 5 anni ci sarai ancora? In che modo?

Concorrenti del settore: Quest’ultima forza è al centro di tutto. Devi capire chi sei rispetto alle altre persone.

Questi sono i punti che personalmente ritengo basilari per la creazione di una buona strategia d’impresa:

  • Creati una buona reputazione
  • Tutelati legalmente…prima che accadano i problemi
  • Pianifica la tua strategia finanziaria creandoti delle riserve (2-5% del fatturato)
  • Maneggia con cura la leva finanziaria
  • Reinvesti una parte degli utili per crescere
  • Mantieni il controllo delle finanze (controlla entrate e uscite costantemente)
  • Aumenta il margine di contribuzione
  • Circondati di belle persone
  • Investi nelle risorse umane formando i collaboratori
  • Se vuoi crescere devi delegare. Se accentri tutto, non cresci e ti stressi.
  • Esprimi gratitudine

La cosa più importante però è mantenere alta la propria energia emozionale e farsi aiutare nei momenti difficili. Io ero partito dal nulla e dal nulla avevo costruito una grande azienda. Anni fa avevo ottenuto già il successo nella vita, ma non mi sentivo bene. Ero concentratissimo sul portare avanti il mio progetto, ma trascuravo alcuni aspetti della mia vita privata.

Questo nel lungo termine ha determinato grandi difficoltà anche nella gestione delle aziende. Prenditi cura degli affetti, di ciò che più conta per te, perché senza l’energia emozionale positiva non puoi costruire il successo di un’impresa, e anche se ci riuscissi, non sarebbe realmente un successo per te.

Tu sei il protagonista del successo di qualunque strategia per il benessere tuo e delle persone che ti circondano.

Per maggiori informazioni compila il modulo

Nome e Cognome (richiesto)

Email (richiesto)

Telefono (richiesto)

Città (richiesto)

Il tuo messaggio

Dichiaro di aver ricevuto, letto e compreso l'informativa ai sensi del Reg. UE 2016/679 (Art. 13) e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali.
Esprimo in modo consapevole e libero il consenso al trattamento per le seguenti finalità:
Finalità 1 do il consensonego il consenso
Finalità 2 do il consensonego il consenso
Finalità 3 do il consensonego il consenso