Luca Mazzucchelli è uno psicologo che ha riscosso un grande successo e una grande popolarità utilizzando i video. Data la sua esperienza, gli abbiamo chiesto come ha fatto a promuovere la propria attività su youtube.

Partendo senza budget e senza competenze tecniche, infatti, è riuscito, grazie ad una forte passione per il suo lavoro, a far conoscere a moltissime persone alcuni concetti e alcuni principi del mondo della psicologia. I non addetti ai lavori, infatti, hanno spesso un punto di vista un po’ distorto di quello che fa uno psicologo e che tipo di figura sia. Lo psicologo, per molti, è la persona che “aiuta i deboli a risolvere i problemi, stando zitto, in cambio di un bel pacco di soldi”.

Luca Mazzucchelli si è laureato nel 2004. Uscito dall’università si è trovato a confrontarsi con un mondo del lavoro per il quale non era sufficientemente preparato. Aveva grandi progetti, dei sogni ed era animato da una grande passione per il suo lavoro, eppure, uscito dall’università si è trovato disoccupato. Ha cominciato quindi ad avere la percezione di trovarsi di fronte a qualcosa che non riusciva a gestire. Nei primi 5 anni ha attraversato numerose difficoltà, ha continuato a studiare e a formarsi. Tra i suoi primi lavori si è trovato a svolgere la professione di psicologo in un campo rom.

In seguito ad un corso di formazione di OSM, assieme a Paolo Ruggeri, ha capito che il mondo stava cambiando, e che il mondo online stava assumendo sempre più importanza. Ha capito che se un professionista non esisteva nel mondo on-line, non esisteva nemmeno in quello reale. Ha capito quindi che era necessario avvicinarsi ai suoi potenziali clienti in modo diverso.

Non poteva starsene nel suo studio ad aspettare che i clienti andassero da lui, ma doveva essere lui ad avvicinarsi ai suoi clienti. Doveva parlare con le persone utilizzando dei nuovi canali, utilizzando il loro stesso linguaggio ed evitando il linguaggio tecnico. Ha iniziato quindi ha creare dei video divulgativi in cui forniva in modo semplice dei piccoli suggerimenti alle persone, ottenendo un discreto successo. Da qui sempre più persone hanno iniziato a seguirlo, fino a quando, grazie alla visibilità ottenuta, ha iniziato a presenziare ad alcune trasmissioni televisive.

E’ diventato poi vicepresidente dell’ordine degli psicologi della Lombardia, è stato contattato da alcune case editrici, è diventato direttore della rivista “psicologia contemporanea”, la stessa rivista che leggeva sui banchi di scuola. Tutto però è nato dalla pubblicazione dei suoi video online. E’ passato dall’essere un giovane laureato disoccupato ad essere un professionista conosciuto ed affermato grazie a youtube.

Certo, non si ottiene il successo da un giorno all’altro. Questi risultati sono stati ottenuti grazie a passione e costanza nel tempo, sbagliando molto e imparando dagli errori.

Alcuni suggerimenti per chi desidera provare a sviluppare dei video per promuovere la propria attività:

1) CREA VALORE: Devi dare valore alla vita delle persone. Non devi cercare di prendere dagli altri valore per te. Se la tua presenza non aggiunge valore, risulterai inefficace. Alcune persone, guardando i video di Luca, hanno capito che la loro vita poteva migliorare seguendo i suoi consigli. Alcuni di questi si sono rivolti a lui per ricevere una consulenza.
2) SBAGLIA SUBITO: Devi fare dei tentativi. Non devi aver paura di sbagliare, perché il timore di fallire potrebbe paralizzarti. Sbaglia pure, in modo da poter imparare dai tuoi errori.
3) L’ESIBIZIONISMO NON PAGA: Non devi rivolgerti alle persone con presunzione e non devi mettere al centro di tutto la tua persona.
4) SII CREDIBILE: Devi essere sincero. Se pubblichi video che non rispecchiano la realtà delle cose, non riuscirai ad ottenere il successo.
5) DATTI TEMPO: La differenza è determinata dalla costanza. Per ottenere un risultato devi pubblicare video con costanza, creando un palinsesto e programmando i video a lungo termine.
6) FOCALIZZATI SU UNA NICCHIA: Non cercare di essere il migliore di tutti, focalizzati su un preciso argomento e cerca di diventare il migliore. Crea una tribù di persone che ti seguono.
7) IMPARA AD ASCOLTARE: Quando hai deciso la tua nicchia, quando hai creato la tua tribù, ascolta cosa desiderano le persone, quali sono le loro esigenze. Partendo da queste esigenze dei creare dei contenuti di valore, dei prodotti “WOW”.

Un prodotto WOW, deve essere un prodotto:
UTILE: devi dare qualcosa che sia utile
– IMMEDIATO: ciò che pubblichi deve essere applicabile nell’immediato
– UNICO: devi creare contenuti che non si possono trovare da altre parti
– DURATURO: devi preparare contenuti che siano sempre validi, che non abbiano scadenza
– CONDIVISIBILE: Deve essere facilmente condivisibile
– GRATIS: Devono essere disponibili per tutti a titolo gratuito

Grazie a questi punti Luca ha creato un grande passaparola positivo. Le persone che in qualche modo hanno tratto giovamento dai video gratuiti pubblicati, sono diventati i suoi primi testimonial, facendolo conoscere a più persone.
Di recente Luca ha anche scritto, con la casa editrice Engage, un volume sulle tecniche promozionali da mettere in campo per avere più clienti e far crescere la propria attività grazie a youtube (per saperne di più CLICCA QUI).

Ora che hai letto come promuovere la propria attività su youtube, da domani, prova a sviluppare dei video, sii presente sui social network e cura la tua immagine online. Dovresti dedicare almeno un’ora al giorno alla promozione del tuo business e destinare il 4% del tuo fatturato ad attività di marketing.

Se desideri ricevere senza impegno maggiori informazioni sul marketing e sulle azioni pratiche da mettere in campo per avere più clienti, compila il modulo.

Nome e Cognome (richiesto)

Email (richiesto)

Telefono (richiesto)

Città (richiesto)

Il tuo messaggio

Dichiaro di aver ricevuto, letto e compreso l'informativa ai sensi del Reg. UE 2016/679 (Art. 13) e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali.
Esprimo in modo consapevole e libero il consenso al trattamento per le seguenti finalità:
Finalità 1 do il consensonego il consenso
Finalità 2 do il consensonego il consenso
Finalità 3 do il consensonego il consenso