facebook azienda

Innanzitutto partiamo dal capire cosa si intenda per social media applicati al marketing di un’azienda.

In breve si tratta dell’insieme delle tecniche e degli strumenti che, creando conversazioni con gli utenti/consumatori, generano visibilità per la tua azienda.

Potrei fermarmi qui se solo i vantaggi che andassi a elencare non fossero di vitale importanza. Ma partiamo dando una scorsa alla frase precedente: “si tratta…, CREANDO CONVERSAZIONI CON GLI UTENTI/CONSUMATORI… per la tua azienda”.

Queste poche parole in grassetto racchiudono la grande forza dei social media: INTERAZIONE. Se prima, infatti, l’azienda si rivolgeva al potenziale cliente in maniera unilaterale, ora quest’ultimo (declinato al concetto di “utente”), risponde, dà la sua opinione, INTERAGISCE.

Annunci su tv, radio e giornali si limitano a passare un messaggio che una persona può osservare e, nel migliore dei casi, chiamare un numero verde per avere ulteriori specifiche.

Con i social media invece tutto è cambiato, ed ora andremo a spiegare quali sono i 3 principali motivi:

  1. L’utente commenta, andando a interagire sia con l’azienda che con gli altri utenti
    Non sottovalutate l’importanza dei vostri clienti. Perché un cliente soddisfatto, tanto quanto un cliente insoddisfatto, al giorno d’oggi può generare un passaparola di portata infinitamente superiore rispetto a 20 anni fa.
    Come reagireste se scopriste che un potenziale cliente che vi cerca su Google vedesse che tra i primi risultati compare “L’azienda PincoPallo mi ha trattato male…”, “Ho ordinato da PincoPallo ma non è mai arrivato nulla… ed il customer service mi ha anche risposto male”.
    Perché questo succede. Anche se non ve ne accorgete, le persone parlano di voi, che sia un forum, un blog o un gruppo su Facebook.
    Per cui imparate a interagire con gli utenti/consumatori, perché se e solo se lo farete nel modo corretto i risultati saranno veramente vantaggiosi per la vostra azienda.
  2. Su Facebook “fai centro, spendendo poco”
    Partiamo da un dato inequivocabile: iscriversi ad un social network è gratuito. Basta inserire i dati richiesti e la tua azienda è in rete e visibile alle persone.
    Ora, visibile ok ma come faccio a far si che tutti i miei potenziali clienti sappiano che effettivamente ci sono? Semplice, oltre i metodi tradizionali tra i quali “invitare gli amici a fare like”, Facebook mette a tua disposizione la possibilità di creare una cosiddetta “campagna di sponsorizzazione”.
    Senza entrare nei dettagli (ci vorrebbero papiri su papiri), sappiate che, grazie ad essa, Facebook garantisce che la promozione della tua azienda arrivi ESATTAMENTE A CHI VUOI TE. In gergo tecnico questo processo è detto targetizzazione: genere, sesso, età, interessi, comportamenti, geo-localizzazione sono tra i principali aspetti che vengono messi a tua disposizione per far si che la tua azienda arrivi DIRETTAMENTE ED UNICAMENTE ai tuoi potenziali clienti.
    Tutto questo al costo più basso sul mercato! Per esempio,partendo dal presupposto che un ritaglio pubblicitario GIORNALIERO su un quotidiano lo si paga intorno ai 3000/4000€; ora prova a pensare a due elementi: in primis il quotidiano è cartaceo e dopo poco finisce nel cestino mentre sul web un contenuto rimane indelebile all’infinito; in secundis un promozione su Facebook fatta nel modo giusto può essere fatta con meno di €500… AL MESE.
  3. Facebook, il più grande database clienti e terzo motore di ricerca al mondo
    Abbiamo parlato di costi, e tra i costi che un’azienda deve mettere in conto per fare una buona attività di marketing c’è anche quello del database.
    Poi c’è Facebook. Pensate che dei 43 milioni di italiani che hanno dichiarato di avere un accesso a internet, ben 37 sono connessi in modo attivo. Di questi, circa 26 milioni sono iscritti a Facebook.
    Perfetto, 26 milioni di potenziali clienti!
    Inoltre Facebook, in quanto portale, funge anche da motore di ricerca e, stando alle ultime stime, è il terzo al mondo, inferiore solo a Google e Youtube. Per cui un potenziale cliente interessato a comprare, al giorno d’oggi non si limita a cercare su Google, ma passa anche da Facebook. Quindi non fatevi trovare impreparati, bensì… fatevi trovare!

Riassumendo, il concetto è piuttosto semplice: pensate a quelle persone che ci capita spesso di criticare su Facebook perché stanno sempre lì a scrivere tutto quello che fanno, tappezzano le nostre bacheche di aggiornamenti, rispondono ad ogni commento…

Ecco, escludendo alcuni personaggi obiettivamente equivocabili, fate attenzione a quante persone però li seguono. Al giorno d’oggi li chiamano “Influencer”, e se poi le decliniamo a vostri social media troviamo i vari Youtuber, Instagramer, insomma tutti derivati dei “blogger”.

Queste persone, spesso criticate per la troppa importanza a loro affibbiata, hanno semplicemente capito come sfruttare questo potente canale di comunicazione, ovvero il social network:

  • si sono iscritti gratuitamente
  • hanno iniziato a parlare di un argomento che stava loro a cuore
  • lo hanno fatto costantemente e senza tradire le aspettative
  • hanno ascoltato consigli e opinioni di altri utenti al fine di migliorare il servizio che offrivano

Il risultato è che molti di loro ora sono persone che influenzano le scelte delle persone, anche dei consumatori. Questo perché? Perché hanno capito ciò di cui la nicchia di persone che li seguono ha bisogno. E fanno di tutto per soddisfarlo.

Pensate ora di declinare tutto questo alla vostra azienda: l’elevata portata di potenziali clienti, il costo ridotto, l’immediatezza dei contenuti da divulgare. Diventate il “facebooker” di riferimento del vostro mercato.

Per cui, se già vi state muovendo in questa direzione molto bene, altrimenti… cosa state aspettando?

Nome e Cognome (richiesto)

Email (richiesto)

Telefono (richiesto)

Città (richiesto)

Il tuo messaggio

Dichiaro di aver ricevuto, letto e compreso l'informativa ai sensi del Reg. UE 2016/679 (Art. 13) e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali.
Esprimo in modo consapevole e libero il consenso al trattamento per le seguenti finalità:
Finalità 1 do il consensonego il consenso
Finalità 2 do il consensonego il consenso
Finalità 3 do il consensonego il consenso